NESSUN DOLORE FU MAI PIU' PROFONDO, PERCHE' MAI VI FU UN FIGLIO PIU' AMATO

 

La profondità dei dolori di Maria è un abisso, di cui nessuno riuscirà mai a toccare il fondo. Il dolore infatti è una conseguenza dell'amore ed è sempre ad esso proporzionato. Un cuore soffre tanto per la perdita di un oggetto, quanto più lo ama. Il dolore qundi è un segno per conoscere la grandezza dell'amore e l'amore è l'unica causa della grandezza del dolore, che è sempre proporzionato alla causa. Per conoscere quindi quanto intenso sia stato il dolore di Maria, converrebbe comprendere quanto grande fu l'amore che ella ebbe per Gesù. L'amore di una Madre, e Maria era veramente Madre di Gesù. 

 

La sorgente ancora più grande dell'amore di Maria per Gesù, era che Gesù non era solamente suo figlio, ma anche suo Dio; e questa sorgente era così grande, così forte, così abbondante che tutto il resto era niente di fronte ad essa. 

 

 

Il cuore di Maria amava così vivamente, così ardentemente Dio che non ha delle paragoni con l'amore delle creature. Gesù era suo figlio e suo Dio. 

Fu vivo e profondo il dolore che soffrì questo amabile cuore. Quanto più teneramente amava, tanto più profondamente il cuore di  Maria fu trafitto dal dolore. E non è qundi possibile trovare un dolore simile al dolore di Maria, perchè non è possibile trovare un Figlio più amabile e più amato di quello di Maria. 

Nessun dolore fu mai più profondo, scrive san Bernardo, perchè nessun Figlio fu più amato.