La riconoscenza

 

 ABBI PIETA' DI NOI ; LUCA 17,11-19

Gesù Maestro abbi pietà di noi; E' bellissimo questa esclamazione dei lebbrosi, questa preghiera. Innanzi tutto chiamano il Signore per nome, come si fa con gli amici. sembra che si conoscano da tempo, che sappiano gli uni dell'altro, che si siano già incontarti a livello del cuore. Questi lebbrosi sono già stati ammessi al banchetto dell'intimità con Gesù, alla festa di nozze della salvezza. 

Poi lo chiamano * Maestro * con un termine che significa più propriamente * colui che sta in alto * . Il mistero della lebbra si è svelato, come una malattia dell'anima, il peccato che rende l'anima lontana da Dio, una mancanza di amicizia e di comunione con Dio , e di conseguenza fa morire. 

Tornò indietro;

Non è un semplice movimento fisico, un cambiamento di direzione e di marcia, ma piuttosto un vero e proprio rivolgimento interiore, profondo. Il lebbroso che tornò indietro, cambia la sua malattia in benedizione, la sua estranietà e lontananza da Dio in amicizia, in rapporto di intimità, come tra padre e figlio. Cambia perchè si lascia cambiare da Gesù stesso, si lascia raggiungere dal suo amore.

Ringraziamento;

Finalmente il lebbroso, può stare vicino a Gesù, per ringraziarlo, lodarlo. Finalmente può pregare insieme agli altri, non deve più coprirsi la bocca, ma può sorridere e parlare apertamente, in piena fiducia. E' guarito.

Alzati e và !!!

E' l'invito di Gesù; Alzati, cioè; Risorgi ! E' la vita nuova dopo la morte, la tua fede ti ha salvato.