La fede e il servizio

 

Accresci in noi la fede ;  Lc 17,5-10

I discepoli si rendono conto che non è facile avere gli atteggiamenti che Gesù ha appena richiesto da loro; attenzione verso i più piccoli e riconciliazione verso i fratelli e le sorelle più deboli della comunità. Non soltanto fede in Dio, ma anche nella possibilità di recuperare del fratello e della sorella. Per questo vanno da Gesù e gli chiedono * Accresci in noi la fede * 

Vivere con una fede grande come un granello di senape.

Gesù risponde;   * Se aveste fede quanto un granello di senape, potreste dire a questo gelso; Sradicati e vai a piantarti nel mare !  * Questa affermazione di Gesù suscita due domande;   Forse egli vuole insinuare che gli apostoli non hanno una fede grande neanche come un granello di senape? Il paragone usato da Gesù è forte ed insinuante. Un granello di senape è molto piccolo, proprio come sono piccoli i discepoli. Ma per mezzo della fede, essi possono divenatre forti, più forti della montagna o del mare ! Se Gesù parlasse oggi direbbe; Se aveste la fede grande come un atomo, voi fareste esplodere questa montgna. Cioè, malgrado la difficoltà che comporta, la riconciliazione tra fratelli e sorelle è possibile, poichè la fede riesce a realizzare ciò che sembrerebbe impossibile. Senza l'asse centrale della fede, la relazione rotta non si ricompone e la comunità che Gesù desidera non si realizza. 

La nostra fede deve portarci al punto di essere capaci di smuovere da dentro di noi la montagna di preconcetti e lanciarla in mare. ma Gesù, con questa affermazione, si è voluto riferire alla fede in Dio o alla fede nella possibilità di recupero dei fratelli e delle sorelle più deboli ? Prevalentemente i riferimenti sono a tutte e due. Poi, cosi come l'amore di Dio si concretizza nell'amore verso il prossimo, cosi anche la fede in Dio deve concretizzarsi nella fede verso i fratelli, nella riconciliazione e nel perdono fino a settanta volte sette. 

La fede è il controllo remoto del potere di Dio che agisce e si rivela nel rapporto umano rinnovato, vissuto in comunità.