Davvero tu sei Figlio di Dio

 

Signore salvami; Matteo 14,22-33

I discepoli lottavano con il vento contrario, avevano trascorso una giornata emozionante, e ora una notte insonne. 

Nella notte, in mezzo al mare, sono proprio spaventati al vedere uno che va loro incontro. Non pensano alla possibilità che possa essere Gesù. Hanno una visione troppo umana, credono ai fantasmi. 

Il Risorto ha vinto invece le forze del caos rappresentato dai flutti del mare.

Gesù parlò loro dicendo; Coraggio!! , sono io , non abbiate paura! ; La presenza di Gesù allontana ogni paura. Dicendo; * sono io * evoca la sua identità e manifesta il potere di Dio. La paura si vince con la fede. 

Pietro chiede segno, e Gesù dice; Vieni! E Pietro cammina sulle acque e andò verso Gesù, disposto a rischiare uscendo dalla barca e cercando di camminare su quelle onde agitate, in mezzo al vento impetuoso. Egli affronta il rischio di credere alla Parola; vieni!  Ma vedendo che il vento era forte, s'impaurì e, cominciando ad affondare, gridò; Signore, salvami! 

Nel credere occorre anche la perseveranza ; le forze contrarie ( il vento) sono tanti , c'è il rischio di soccombere . La preghiera di supplica ci salva. Dio non ci abbandona anche se apparentemente è assente ....!!!