Un versetto al giorno

 
                      
 
                                  Leggi... medita... contempla.. e  trasformi in vita...

Argomento: Un versetto al giorno

Voi che dite che io sia ???

Chi riconosce in Gesù di Nazaret il Messia, deve accoglierlo come l'amore crocifisso ed essere disposto a seguirlo anche quando si trova sul Calvario...

R: Voi che dite che io sia ???

La nostra prima croce è diventare credenti.
Ne siamo convinti ?
Noi vorremmo essere la misura di tutto, anche di Dio, e invece Gesù ci chiede di lasciarci misurare da lui;
Accogliamo la sua voce ???

R: R: Voi che dite che io sia ???

Siamo limitati..

R: R: R: Voi che dite che io sia ???

Nessuno è perfetto .. eccetto Gesù....

Dov'è il tuo tesoro, sarà anche il tuo cuore

L'esortazione di Gesù a non accumulare ricchezze delinea un nuovo aspetto della vera giustizia, cioè di una vita totalmente orientata a Dio, in cui Dio è il centro di tutto.

Pregando non sprecate parole come i pagani...

Nella preghiera, non serve molte parole..
ma molta fede e molto amore.

R: Pregando non sprecate parole come i pagani...

La preghiera è un dialogo con Dio, chi non non ha imparato ad amare Dio, non sente il bisogno di dialogare con Lui.
Chi ha di Dio un falso concetto, o non conosce altra forma di preghiera all'infuori del chiedere, o crede di soddisfare ai suoi doveri; recitando alcune formule, è ancora ben lontano dal pregare.

R: R: Pregando non sprecate parole come i pagani...

La preghiera per me è stare con Dio, ci amiamo, ci guardiamo a vicenda; tra Dio e anima amata da Dio...
Provatela......

Il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà

Il tarlo della vanità, che spinge all'ostentazione e all'ipocrisia, toglie alla giustizia cristiana il suo disinteresse, la sua purezza, che cerca Dio solo.
La preghiera e il digiuno se è possibile, solo il Padre vede.
I vanitosi avranno ciò che hanno cercato in questo mondo ma perde la vita futura..

R: Il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà

C'è sete di autenticità, oggi.
A livello di vita e di arte si contestano le pose fittizie, le opere .
Pratiche come l'elemosina, la preghiera e il digiuno, sono dei gesti, dei segni.
Il vangelo ci invita a domandarci quale realtà rappresentano di fatto i segni che noi poniamo.
Trattandosi di segni religiosi, la loro finalità è quella di stabilire un certo rapporto con Dio. Se sotto il nostro operare c'è un altro movente, il nostro gesto non è autentico; è un gesto fallito.
Peggio quando si vuole strumentalizzare la religiosità nelle sue manifestazioni in funzione di altri moventi che si ha tutto l'interesse a mantenere occulti.
L'autenticità non è però una finalità, ma solo un mezzo per fare la verità.
La nostra elemosina, per esempio, è partecipazione alla povertà di Cristo o solo espressione sentimentale ??
Elemosina, digiuno e preghiera deve essere autenticamente cristiana, veri, perchè la sincerità li conservi in tutto il loro valore.

Nuovo commento