OSSERVATE COME CRESCONO I GIGLI DEL CAMPO

IMPARATE  DAL  GIGLIO  E  DAL  PASSERO:

Guardate gli uccelli del cielo: non seminano, nè mietono, nè ammassano nei granai: eppure il Padre vostro celeste li nutre. Non contate voi forse più di loro...?  E chi di voi, per quanto si dia da fare, può aggiugere un'ora sola alla sua vita...? E perchè vi affannate per il vestito...? Osservate come crescono i gigli del campo: non lavorano e non filano. Eppure io vi dico che neanche Salomone, con tutta la sua gloria, vestiva come uno di loro. Ora se Dio veste così l'erba del campo, che oggi c'è e domani verrà gettata nel forno, non farà assai più per voi, gente di poca fede...?

                             Padre celeste !!!

            Ciò che in compagnia degli uomini,

            specialmente nel brusio della folla, 

            tanto difficilmente si riesce a sapere: 

      ciò che altrove si è riusciti comunque a sapere

              e si dimentica poi così facilmente 

                  per il chiaso della folla, 

                       cioè l'essere uomo 

              e il significato religioso 

           che quet'esigenza comporta:

           fa che sia dato di saperlo, 

           e se l'abbiamo dimenticato,

            che tornino a impararlo 

              dal giglio e dal passero. 

                Fà che lo impariamo,

non in una volta sola e tutto insieme,

ma almeno un poco e un pò alla volta 

e che questa volta dal passero e dal giglio

impariamo silenzio, obbedienza e gioia. 

            ( Soren Kierkegaard, Preghiere ).