ECCO LA VERGINE CONCEPIRA'

 

NON  VOGLIO  TENTARE  IL  SIGNORE ( Is 7, 10-14 )

Le intenzioni di Acaz non sono buone, anche se il suo diniego potrebbe sembrare rispettoso della santità di Dio. In realtà, egli non si fida dell'assistenza di Dio e preferisce chiedere aiuto ai re delle popolazioni circostanti. Non ha ancora capito che nulla può accadere a coloro sui quali Dio ha posto la sua benedizione. Per questo, Acaz riceverà un segno della potenza di Dio. La nascita di un bambino confermerà la sua parola. 

Le promesse che Dio ti ha fatto si realizzeranno a suo tempo e secondo modalità che solo lui conosce. Intanto, egli ti assicura la sua vicinanza attraverso la nascità di un bambino. E' suo Figlio Gesù, che nasce dal seno di Maria. Di fronte a tale miracolo, come dubitare ancora della benevolenza di Dio..?

 

ECCO,  CONCEPIRAI  UN  FIGLIO,  LO  DARAI  ALLA  LUCE  E   LO  CHIAMERAI  GESU'

Maria capisce una cosa molto importante; da adesso in poi la sua vita sarà guidata dalla parola di Dio che le viene rivolta dall'angelo. Suo compito fondamentale sarà quello di meditare nel cuore la parola che Dio, attraverso le situazioni, le persone e gli eventi, le rivolgerà. Per questo motivo la Vergine diviene assoluta accoglienza del mistero; la parola diviene in lei la Parola, cioè carne della sua carne. 

Il Figlio di Dio nasce da lei, così abituata a fare spazio alla parola di salvezza, proprio perchè ella non sa concepire la sua vita se non in relazione intima con Dio. 

La vita di un cristiano non può che essere concepita in stretta relazione con Dio e la sua parola. Chiedi a Maria, in questo periodo importante dell'anno liturgico, che ti dia la stessa capacita di accogliere la parola del Signore perchè porti frutto anche in te.