SARAI BUON DISCEPOLO DI GESU' CROCIFISSO SE SAPRAI RIVESTIRTI DELLE SUE VIRTU'

 

 

Chi vuol essere santo, ama di seguire fedelmente gli esempi divini di Gesù Cristo, di essere fatto l'obbrobrio degli uomini e l'abiezione delle plebe, perchè si riconosce reo di lesa Maestà divina per aver peccato. 

 

Oh, fortunata l'anima che vestita di Gesù Cristo e tutta penetrata dalle sue pene santissime, se ne sta tutta immersa e inabissata nell'immenso mare della divina carità ed ivi, astratta da ogni cosa creata, si riposa nel seno dell'amato Bene..! Questo divino lavoro lo fa il Signore nelle animi umili, che se ne stanno in solitudine interiore, anche in mezzo agli strepiti degli affari del secolo. 

Approfittate di quella scienza divina, che il sovrano maestro Gesù Cristo v'insegna nella scuola della sua santissima Passione, mentre la meditate con fede e carità. In questa scuola divina dovete imparare ad essere umili di cuore, amante del proprio disprezzo, amante del patire in silenzio e speranza, ad essere dolce e mansueto, pieghevole ed obbediente. 

Procurate dunque di far onore al divin Maestro, approfittando dei suoi sacrosanti insegnamenti e praticandoli nelle occorrenze. Sarete un buon discepolo, se sarete rivestito delle virtù di Gesù Cristo, ed egli sicuramente vi rivestirà, se sarete molto umile, distaccato da tutto ciò che non è Dio e tanto nascosto alle creature che nessuno possa rubarvi il tesoro. 

 

 

Ricordatevi che l'anima vostra è il tempio vivo dell'Altissimo; state dentro di voi, serrate la porta in faccia a tutte le creature, state in solitudine interna, rivestito delle pene santissime di Gesù e riposare nel suo divin costato, che è la fornace del santo amore.

 

 

Rimirate con un dolce ravvivamento di fede le vostre pene ed abbandoni nel divin beneplacito, credendo fermamente che Dio fin dall'eternità si è compiaciuto che camminate per questa via penosa, per somigliare a Gesù; svegliate il vostro cuore con dolci affetti , dicendo per esempio; Si , o Padre , perchè così è piaciuto alla tua divina Maesta. O cara volontà del mio Dio..! O, dolce, o santissima volontà. Si, o mio buon Dio, voglio ciò che volete voi, in vita, in morte, nel tempo e nell'eternità.  

 

                    ( Dalle lettere di S. Paolo della croce ).