RALLEGRATEVI SEMPRE NEL SIGNORE

 

      

IL SIGNORE E' VICINO RALLEGRATEVI   ( lettera di San Paolo ai Filippèsi )

La gioia di cui parla la Parola di Dio è un altra cosa; nasce nel cuore e riempie il cuore di pace. E' una serenità diffusa, una sicurezza tranquilla. Nemmeno il dolore può sommergerla, perchè fondamenta su motivi saldissimi. 

Quali sono i motivi della gioia dei cristiani ??

             Il Signore ha revocato la tua condanna, ha disperso il tuo nemico, Dopo aver ammonito severamente, Dio perdona chi si riconosce peccatore e si pente; ecco il primo motivo di gioia. Il secondo è il Signore è vicino a noi, è con noi. Gesù, Dio-uomo è con noi, è il Salvatore . Il Signore è mia luce e mia salvezza, è vicino a noi come amico, come Padre. Qualunque cosa ci capiti, siamo nelle sue mani, sotto i suoi occhi. E' vicino come una mamma che consola il figlio ammalato e stanco. Dobbiamo alimentare la gioia di questa vicinanza con la preghiera, cioè parlando con Dio. * In ogni necessità  esponete a Dio le vostre richieste, con preghiere, suppliche e ringraziamenti.

                    

ALTRUISTA;

Le folle interogavano Giovanni dicendo; cosa dobbiamo fare ??? Chi ha due tuniche, ne dia una a chi non ha, .... 

E' l'amore cristiano che ribalta ogni egoismo, tra gli individui e tra i popoli. I Padri del Concilio Vaticano II  in nome di Dio ci hanno insegnato; * Dio ha destinato la terra e tutto quello che essa contiene all'uso di tutti gli uomini e popoli, così che i beni creati debbono, secondo un equo criterio, essere partecipati a tutti, avendo come guida la giustizia e compagna la carità. A tutti gli uomini spetta il diritto di avere una parte di beni sufficienti a sè e alla propria famiglia. 

ESSERE ONESTO AL PROPRIO DOVERE ;

I pubblicani e alcuni soldati interogavano Giovanni; Cosa dobbiamo fare?? Disse loro Giovanni; Non esigete nulla di più di quanto vi è stato fissato, e ai soldati; Non approfittate delle armi per maltratare e rubare . 

E' un insegnamento per noi. Ognuno ha un ruolo da svolgere nella società; operaio, impiegata, commerciante, insegnante, soldato,.. Questi ruoli occupano una parte molto grande del nostro tempo e della nostra vita. Ora capita che la realtà di essere cristiano, figlio di Dio, la mettiamo al centro della vita quando siamo semplici persone, ma la dimentichiamo spesso quando esercitiamo il nostro ruolo.

                  

ORA COSA DOBBIAMO FARE ??

Dobbiamo essere cristiani, amare gli altri, servirli, volere il loro bene, sia come persone private, sia mentre esercitiamo il nostro ruolo nella vita. Il cristianesimo non è un'attività del tempo libero. E' pensare e vivere come pensava e viveva Gesù, i ogni momento della nostra vita.