Nuova legge

 

In verità io vi dico ; Mt 5, 17-37

Gesù non venuto ad abolire la legge, ma a portarla a compimento, a darle quel * di più * che la fa superare come legge e la fa accettare come scelta interiore. Di fatto la giustizia del fariseo si limita all'osservanza degli articoli di legge. La giustizia del cristiano non dipende prima di tutto dalla semplice osservanza della legge, ma dal fatto che gli ultimi tempi sono compiuti in Gesù, e che Gesù per primo è giunto ad obbedire alla legge in comunione con il Padre. Cristo stabilisce un nuovo criterio di valutazione moarle: l'intenzione  personale. 

CRISTO -  COMPIMENTO DELLA LEGGE;

Non basta non uccidere, bisogna non adirasi. Non basta non comettere adulterio, bisogna non desiderare la donna degli altri. Non basta lavarsi le mani prima dei pasti, bisogna purificare l'nteriore dell'uomo. Non basta erigere monumenti ai profeti, bisogna non farli tacere uccidendoli. Non basta dire; Signore, Signore, ma bisogna fare la volontà del Padre che è nei cieli. Non basta dire parole senza fine nella preghiera, bisogna aver fede nella bontà di Dio. Non basta il sacrificio, non serve a niente l'atto di culto e l'osservanza dei precetti minori se non si pongono al primo posto nella propria vita morale la giustizia, la misericordia e la fede. 

Il cristiano non obbedisce soltanto a una legge, ma si mette sulla scia di cristo che lo precede e che diventa per lui modello-legge-istanza suprema-forza interiore per il dono dello Spirito.

VIVERE NELLA FRATERNITA';

Le parole di Gesù invitano il cristiano a qualcosa * di più *, a fare un passo avanti nella fraternità. Non basta non uccidere il fratello occorre rispettarlo, non prenderlo alla leggera, non sentirsi superiore a lui. Si può uccidere con le parole, con un giudizio duro, con un atteggiamento sprezzante,. Si può uccidere il fratello relegandolo nell'isolamento, spegnendo il suo entusiasmo e i suoi progetti di bene, non permettendogli di esprimersi liberamente. 

Non si può onorare Dio se il fratello è disonorato, perchè Dio è in ogni fratello che incontriamo, specialmente nei poveri, nei piccoli, negli umili, nei disprezzati, in quelli che noi, a volte, chiamiamo cretini.

L'AMORE SINCERO;

L'amore dell'uomo e della donna non è desiderio e ricerca egoistica della propria soddisfazione. L'amore è volere il bene dell'amato, è incontro libero e liberante. 

L'amore vero è un dono totale, perchè Cristo ha dato la sua vita per noi; un Amore che ha * promesso di essere presente in coloro che lo amano e con cuore retto e sincero custodiscono la sua parola.