Non sia turbato il vostro cuore

Giovanni 14, 23-29

Se uno mi ama osserverà la mia parola... 

Cosa significa veramente amare ???  Amare in genere per noi equivale a volersi bene, stare insieme, fare delle scelte per costruire un futuro, donarsi, ma amare Gesù non è la stessa cosa. Amare lui significa fare come ha fatto lui, non tirarsi indietro di fronte al dolore, alla morte; amare come lui significa; chinarsi ai piedi dei fratelli per rispondere ai loro bisogni vitali; amare come lui porta molto lontano.. ed è in questo amore che la parola diventa pane quotidiana di cui cibarsi e la vita diventa cielo per la presenza del Padre.

         

Chi non mi ama non osserva le mie parole....

Se l'amore non c'è, le conseguenze sono disastrose . Le parole di Gesù si possono osservare solo se c'è amore in cuore, altrimenti restano proposte assurde. Quelle parole non sono di un uomo, nascono dal cuore del Padre che propone a tutti noi di essere come lui. Non si tratta tanto nella vita di fare delle cose, pur buone che sia. E' necessario essere uomini, essere figli, essere immagini simili a Chi non cessa mai di donare tutto se stesso.

              

Lo Spirito vi insegnerà ogni cosa;

Fare memoria è azione dello Spirito; quando nelle nostre giornate il passato scivola via come qualcosa di perennemente perduto e il futuro sta lì quasi minaccioso a toglierti la gioia dell'oggi, solo il Soffio divino in te può condurti a far memoria. Memoria di ciò che è stato detto, di ogni parola uscita dalla bocca di Dio per te, e diemnticata per il fatto che è passato del tempo. 

Vi lascio la pace;

La pace di Cristo per noi non è assenza di conflitti, serenità di vita, salute, ma pienezza di ogni bene, assenza di turbamento di fronte a ciò che avviene. Il Signore non ci assicura il benessere, ma la pienezza della figliolanza in una adesione amorevole ai suoi progetti di bene per noi. La pace la possederemo, quando avremo imparato a fidarci di quello che il Padre sceglie per noi. 

   

Vado e tornerò da voi; Se mi  amate, vi rallegrereste....

Ritorna il discorso dell'amore. Se mi amate, vi rallegrereste. Ma che senso ha questa espressione sulle labbra del Maestro ?? Potremmo completare la frase e dire; Se mi amaste, vi rallegrereste che io vado dal Padre... ma siccome pensate a voi, siete tristi perchè io vado via. L'amore dei discepoli è amore di egoismo. Non amano Gesù perchè non pensano a lui, pensano per sè. Allora l'amore che Gesù richiede, è quest'amore! Un amore capace di gioire perchè l'altro sia felice.  un amore capace di non pensare a sè come centro di tutto l'universo, ma come luogo in cui il sentire si fa aperto a dare per poter ricevere; non in contracambio, ma come * effetto * del dono consegnato.