MARIA, MADRE DI DIO

 

             

VISITA DEI PASTORI A  SACRA FAMIGLIA;  ( Lc 2,16-21)

Il testo di questa festa della Madre di Dio ( Lc 2,16-21 ) fa parte della descrizione più ampia della nascita di Gesù e della visita dei pastori. L'angelo aveva annunciato la nascita del Salvatore, dando un segnale per riconoscerlo; * troverete un bambino avvolto in fasce, giace in una mangiatoia *. Loro aspettavano il Salvatore di tutto il popolo e dovranno riconoscerlo in un bambino appena nato, povero, che giace accanto a due animali ! 

                   

LO STOPORE DEI PASTORI

La parola di Dio non è un suono prodotto dalla bocca. E' soprattutto un avvenimento ! I pastori dicono letteralmente ; Andiamo a vedere questa parola che si è avverata e che il Signore ci ha fatto conoscere. 

La parola di Dio ha forza creatrice. Compie ciò che dice. La parola dell'angelo ai pastori è l'avvenimento della nascita di Gesù.

                    

E MARIA COSA FA DINANZI QUESTO AVVENIMENTO?

Luca aggiunge subito che Maria custodiva tutte queste cose , meditandole nel suo cuore. Sono due modi di percepire ed accogliere la Parola di Dio; 

- Pastori si alzano per vedere i fatti e verificare in essi il segno che era stato dato loro dall'angelo, e dopo, ritornano al loro gregge glorificando e lodando Dio per tuttu ciò che avevano visto ed udito. 

- Maria da parte sua, conservava con cura tutti questi avvenimenti nella memoria e li meditava nel suo cuore. Meditare le cose nel cuore significa ruminarle ed illuminarle con la luce della Parola di Dio, per così giungere a capire meglio tutto il loro significato per la vita.

LA CIRCONCISIONE

Il piccolo Gesù, viene circonciso l'ottavo giorno dopo la sua nascita. La circocisione era un segno di appartenenza al popolo. Dava identità alla persona. In questa occasione ogni bambino riceveva il suo nome. Il bambino riceve il nome di Gesù che gli era stato dato dall'angelo, prima di essere concepito. L'angelo aveva detto a Giuseppe che il nome del bambino doveva essere Gesù, egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati. Il nome di Gesù è lo stesso che Giosuè, e significa Dio salverà. Un altro nome che poco a poco sarà dato a Gesù è Cristo, che significa Unto o Messia. Gesù è il Messia atteso. Un terzo nome è Emmanuele, che significa Dio con noi. 

                         

I PASTORI SONO I PRIMI INVITATI

I pastori erano persone emarginate, poco apprezzate. Vivevano insieme agli animali, separate dal resto dell'umanità. A causa del contatto permanente con gli animali erano considerati impuri. Mai, nessuno lo avrebbe invitati a visitare un neonato. Ma proprio a questi pastori appare l'Angelo del Signore per trasmettere la grande notizia della nascita di Gesù. Davanti all'apparizione degli angeli, loro si riempiono di timore. 

La prima parola dell'angelo è * non temere * La seconda è * grande gioia per tutto il popolo * La terza è  Oggi. Subito tre nomi per indicare chi è Gesù; Salvatore, Cristo Signore, Salvatore è colui che libera tutti da tutto ciò che li lega. Ai governanti di quel tempo piaceva usare il titolo di Salvatore. Loro stessi attribuivano il titolo di Soter.  Cristo significa Unto o Messia. Nell'Antico Testamento era questo il titolo che veniva dato ai re e ai profeti. Era anche il titolo del futuro Messia che avrebbe compiuto le promesse di Dio nei riguardi del popolo. Ciò significa che il neonato, che giace in una mangiatoia, viene a realizzare la speranza del popolo. Signore era il nome che veniva dato a Dio stesso ! Quì abbiamo i tre titoli più grandi che si possano immaginare . A partire da questo annuncio della nascita di Gesù Salvatore, Cristo e Signore, ci si immagina qualcuno della categoria più elevata. E l'angelo ti dice; Attenzione ! Ti do questo segno di riconoscimento; incontrerai un bambino in una mangiatoia, in mezzo ai poveri. Tu ci crederesti? Il modo in cui Dio agisce è diverso dal nostro.

Gloria a Dio nel più alto dei cieli e sulla terra pace agli uomini, che egli ama. Una moltitudine di angeli appare e scende dal cielo. E' il cielo che si spiega sulla terra. Le due frasi del versetto riassumono il progetto di Dio, il suo piano. La prima dice ciò che avviene nel mondo di lassù; Gloria a Dio nel più alto dei cieli. La seconda dice ciò che egli ama. Se la gente potesse sperimentare ciò che veramente significa essere amati da Dio, tutto cambierebbe e la pace abiterebbe la terra. E sarebbe questa la maggior gloria per Dio che dimora nel più alto.