Il silenzio di Gesù verso la donna cananéa

 

IL GRIDO ANGUSTIATO DELLA DONNA ; Mt 15,21-28

Una donna di un'altra razza e di un'altra religione inizia a supplicare Gesù, per la guarigione della figlia posseduta da uno spirito immondo.

La donna grida, ma Gesù non risponde. Un atteggiamento sembra strano per noi, perchè nella Bibbia, Dio ascolta sempre il povero che grida. Ma quì Gesù non ascolta, non vuole ascoltare! Perchè ? Perfino i discepoli sono sorpresi dal comportamento di Gesù e chiedono che presti attenzione alla donna. Essi vogliono liberarsi di quel grido; * Esaudiscila, perchè ci viene dietro gridando*. E Gesù dice; Non sono stato mandato se non alle pecore perdute della casa d'Israele. 

La donna non si preoccupa del rifiuto di Gesù. L'amore di una madre per la figlia ammalata non si preoccupa della reazione degli altri, ma cerca la guarigione là dove la sua intuiione le fa vedere una soluzione solo in Gesù. Essa gli si fa ancora più vicino, si getta ai suoi piedi e comincia a supplicare; Signore, aiutami ! Gesù risponde; non conviene prendere il pane dei figli e darlo ai cagnolini. La donna non si dà per vinta. Essa d'accordo con Gesù e dice; E' vero, Signore, eppure i cagnolini mangiano le briciole che cadono dalla tavola dei loro padroni. 

La reazione di Gesù è immediata; Donna, grande è la tua fede. La donna ottiene quello che domanda. A partire da quell'istante sua figlia è guarità